Read e-book online Breve trattato sulla decrescita serena PDF

By Serge Latouche

Show description

Read or Download Breve trattato sulla decrescita serena PDF

Best systems & planning books

Download PDF by Fred L. Fry: Strategic Planning for New & Emerging Businesses: A

This publication is superb! It supplied every little thing i wished for placing jointly an entire blown strategic plan. Consulting views have been rather at the mark. I hugely suggest the publication.

Download e-book for iPad: Corporate Foresight: Towards a Maturity Model for the Future by René Rohrbeck

Have you questioned why even huge businesses fail while confronted with alterations of their setting? could you be shocked to profit that the typical lifestyles expectancy of a Fortune 500 corporation is under 50 years? This publication offers findings from 19 case reports in multinational businesses corresponding to Siemens, Volkwagen, normal electrical, Philips and Deutsche Telekom.

Read e-book online The End of Competitive Advantage: How to Keep Your Strategy PDF

Are you susceptible to being trapped in an uncompetitive company? likelihood is the suggestions that labored good for you even many years in the past now not carry the consequences you would like. Dramatic alterations in company have unearthed a big hole among conventional techniques to procedure and how the genuine global works now.

Download e-book for kindle: Märkte explorieren: Eine kurze organisationstheoretisch by Stefan Kühl

Organisationen reagieren – anders als es die klassische Marktforschung suggeriert – nicht auf objektiv gegebene Umweltbedingungen, sondern sie erfinden, erschaffen und konstruieren sich ihre Wirklichkeit selbst. Denn aus den verwirrenden, chaotischen und irritierenden Eindrücken ziehen Organisationen jene Informationen, mit denen sie sich ein Bild von ihrem Umfeld machen können, das es ihnen erlaubt, sich einigermaßen sicher in dieser Umwelt bewegen zu können.

Extra info for Breve trattato sulla decrescita serena

Example text

Sono anche la politica, la cultura, il senso della vita che devono ritrovare un ancoraggio territoriale. Questo implica che qualsiasi decisione economica, politica o culturale che può essere presa a livello locale deve essere presa a tale livello. Ridurre Ridurre significa in primo luogo diminuire l’impatto sulla biosfera dei nostri modi di produrre e di consumare. 113 Sono poi auspicabili altre riduzioni, da quella dei rischi sanitari a quella degli orari di lavoro. La riduzione dei rischi sanitari dovrebbe basarsi sulla «precauvenzione» (prevenzione/precauzione), per riprendere il neologismo di Belpomme, piuttosto che sulla cura (basti pensare che nel 2005 i farmacisti francesi hanno venduto 2,6 miliardi di scatole e flaconi, con un aumento dell’8 per cento rispetto all’anno precedente).

La verità», secondo David Nicholson-Lord, che fa eco alle posizioni di cui sopra, «è che sicuramente gli stili di vita possono fare la differenza, ma che comunque una vita a impatto zero è una chimera e che il numero di abitanti conta enormemente. 82 Negli anni settanta, in La Surchauffe de la croissance, François Meyer lanciava il segnale d’allarme. 83 Sulla base di 135 milioni di chilometri quadrati di terre emerse, Meyer faceva il calcolo seguente: nel 1650 la superficie teoricamente disponibile per individuo era di 0,28 km2; nel 1970 si era ridotta a 0,04 km2, cioè sette volte di meno; nel 2070, con tutta probabilità, si ridurrà ancora a 0,011 km2, cioè quattro volte di meno, il che corrisponde a uno spazio bioproduttivo insufficiente per sopravvivere.

Ma, sicuri del nostro pasto di stasera, facciamo orecchie da mercante. Soprattutto, evitiamo di chiederci da dove veniamo: da una società della crescita, ovverosia da una società fagocitata da un’economia la cui sola finalità è la crescita fine a se stessa. 14 Denunciare la «frenesia delle attività umane» o l’imballamento del motore del progresso non può giustificare l’assenza di un’analisi della megamacchina tecnoeconomica capitalistica e mercantilista, di cui siamo gli ingranaggi forse complici ma sicuramente non le molle.

Download PDF sample

Rated 4.29 of 5 – based on 48 votes

About the Author

admin